MODELLO RICORSO IN COMMISSIONE TRIBUTARIA CON ISTANZA DI TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA E RICHIESTA DI SOSPENSIONE

luglio 30, 2013 in Atti Precompilati, Modulistica

tribunale7

on.le commissione tributaria provinciale di bari

RICORSO CONTENENTE ISTANZA PER TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA e SOSPENSIONE DELL’EFFICACIA DEL PROVVEDIMENTO IMPUGNATO

 

In favore del sig._______, nato a Bari il ________ ed ivi residente alla via _________, Cod. Fisc: _________, rappresentato e difeso in virtù di mandato conferito in calce al presente atto dal sottoscritto Avv._______(Cod. FIsc.________; fax__________; pec______________) presso il cui studio in Bari, alla via ___________, elegge domicilio.

                                                                                                          - ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate – Direzione provinciale di Bari

    - resistente -

 

Equitalia Sud S.p.A., in persona del legale rappresentante p.t.,

                                                                                                          - resistente-

Avverso

Iscrizione a ruolo n.________ e Cartella di pagamento n. _________________

Premessa in fatto:

a)                 in data ______ l’Equitalia Sud s.p.a. ha notificato al sig. ________ la cartella di pagamento n.________(doc.1) per il pagamento, entro 60 giorni dal ricevimento, della complessiva somma di € ______ di cui € _____  a titolo di imposta_______, € ________ per interessi ed __________.

b) Detta richiesta si riferisce______________________________________________________________________________________________

c)A fondamento della pretesa, nella cartella impugnata è stato indicato quanto segue: “__________________________________________________________________________________.

d)                Dalla motivazione innanzi riportata parrebbe che la pretesa fiscale è frutto di una precedente azione accertativa, la cui legittimità è stata successivamente confermata dalla sentenza n._______ della  Commissione Tributaria Regionale di Bari.

e)                 Tuttavia, il richiamato avviso di accertamento n.___________ (doc.2),  – al pari della sentenza n.____ della CTR di Bari (doc.3) – è del tutto estraneo alla pretesa odierna, in quanto entrambi i provvedimenti __________________________________________________________________________________.

f) Più precisamente, l’Ufficio ha accertato___________________________________________________________________________.

g)                 Avverso il predetto atto, il sig._________adiva la Commissione Tributaria Provinciale di Bari __________________________________________________________________________________.

h)                In particolare, i giudici di prime cure, ___________________________________________________”.

i)                   Or bene, dalla ricostruzione fattuale emerge chiaramente che la sentenza n._______ richiamata nella cartella impugnata verte esclusivamente sulla nullità della plusvalenza____________________________________________________________________.

j)                   Tale dinamica, evidentemente errata, ______________________________

In virtù di tanto, avverso la suddetta cartella di pagamento ed il ruolo n_______, l’avv. ____________, in nome e per conto del sig._____________

RICORRE

a Codesta On.le Commissione Tributaria Provinciale per i seguenti motivi in diritto:

1) inesistenza della cartella esattoriale inoltrata via posta dal concessionario non abilitato ex lege.

In via assolutamente preliminare si contesta l’inesistenza giuridica della notifica della cartella opposta poiché eseguita direttamente dall’agente della riscossione in spregio della giurisprudenza, oramai prevalente, secondo cui le notifiche eseguite a mezzo posta direttamente dal concessionario e non dai soggetti abilitati di cui all’art.26 del D.P.R. 602/73, sono illegittime.______________________________________________________________________________

2)  decadenza dell’azione e illegittimità della formazione del ruolo

Il decreto Legge n.461/97 che disciplina, tra le altre, la materia delle imposte sostitutive sulle plusvalenze dispone al comma 6 dell’art.5 che “per l’accertamento e la riscossione delle imposte sostitutive non dichiarate e non versate si applicano le disposizioni stabilite in materia di imposte sui redditi. La maggiore imposta accertata e’ riscossa mediante iscrizione in ruoli suppletivi ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602. Si applica la sanzione amministrativa da una a due volte l’ammontare dell’imposta non dichiarata; se l’ammontare dell’imposta non dichiarata e’ superiore a cinquanta milioni di lire si applica la sanzione amministrativa da due a quattro volte. Per l’omesso od insufficiente versamento si applica la sanzione amministrativa del 50 per cento dell’imposta non versata”.

Dalla lettura del predetto articolo si evince _______________________________________________________________________

3) Nullità della cartella di pagamento per  mancata   indicazione delle modalità di calcolo degli interessi

______________________________________________________________________________________________________

4)Sospensione del provvedimento impugnato per gravi e giustificati motivi

______________________________________________________________________________________________________

Per tutto quanto innanzi esposto il sig.__________________  ut supra rappresentato e difeso

FORMULA

                   ISTANZA DI DISCUSSIONE IN PUBBLICA UDIENZA

Ai sensi e per gli effetti dell’art. 33, comma 1 – D. Lgs. 31 dicembre 1992 n.546, nonchè

RICORRE

A codesta On.le Commissione Tributaria affinchè, previa concessione della sospensione dell’esecuzione dell’atto impugnato, ai sensi e per gli effetti dell’art 47 D. Lgs. 546/1992 per le ragioni esposte in narrativa,  Voglia così provvedere:

accertare e dichiarare la nullità e/o illegittimità della Cartella di pagamento n. ____________ e del ruolo __________ in virtù delle motivazioni in fatto ed in diritto che qui – per brevità – si omettono di reiterare.

Con vittoria di spese, diritti ed onorari della presente procedura come per legge.

Con riserva di ulteriormente dedurre, eccepire, articolare e produrre anche in conseguenza del contegno processuale di controparte.

Si dichiara che il valore del presente giudizio ammonta ad €______ e che pertanto il contributo unificato versato è pari ad €_______.

S.J.

Bari,________

Avv. __________

Si allegano i seguenti documenti:

1)                copia cartella di pagamento n.______

2)

3)

4)

MANDATO     

_______________